logo
CASA EDITRICE

Sezione Beni Culturali
"ARTE"

pagina 1
pagina 2 : pagina 3 : pagina 4 : pagina 5
pagina 6 : pagina 7 : pagina 8 : pagina 9 : pagina 10 : pagina 11

 

Sibyl von der Schulenburg,
LO SPECCHIO DELLA CITTA'
ARCHITETTURA, AMBIENTE E PSICOLOGIA
Con un excursus tra i progetti biofilici dell'architetto Mario Antonio Arnaboldi


pp. 192 - F.to 14x21  p.d.c. € 20,00
ISBN 9788863364323 - a colori
Arte109

Il saggio affronta il rapporto tra l'ambiente costruito e la vita psicofisica dei suoi abitanti mettendo in evidenza alcuni degli aspetti meno noti di questa interazione. La psicologia ambientale e' il punto di vista dal quale scaturisce l'analisi che l'autrice propone nella maniera del saggio divulgativo, ma nel pieno rispetto delle regole della pubblicazione scientifica. Lo scritto, tendente all'informazione, si fonda su teorie generali e ricerche specifiche, e si concentra su fenomeni ascrivibili a una mala architettura, quella che per decenni ha condizionato la vita dei cittadini, sacrificando il loro benessere alla gloria di urbanisti e archistar.  L'opera, scritta con un linguaggio semplice e incisivo, e' divisa in due parti. La prima, con un taglio didattico, introduce il lettore all'argomento trattato e ne espone peculiarita' e dubbi; si affrontano tematiche relative agli effetti che l'ambiente costruito ha sull'essere umano, sul suo stato psichico e fisico; si indicano le cause urbanistiche e architettoniche di alcuni dei malesseri che affliggono gli abitanti di citta' moderne, con cio' indicando le modalita' per evitarle. La seconda parte propone degli esempi di buona architettura attraverso l'analisi di alcuni progetti dell'architetto milanese Mario Antonio Arnaboldi, valutati a confronto con i criteri di costruzione della progettazione biofilica, un filone architettonico in cui il benessere del fruitore e' una priorita' assoluta.

Sibyl von der Schulenburg, figlia di due scrittori tedeschi, e' il prodotto di un’educazione multiculturale che mira alla pluralita' di interessi e ne considera ogni punto di vista. Dopo una prima laurea in giurisprudenza, si occupa di telecomunicazioni su fibra ottica e viaggia molto tra Europa, USA, Giappone e Cina, prendendo appunti sulle differenze culturali espresse in ambienti tanto diversi tra loro. Un secondo percorso di studi in materie psicologiche la porta a considerare i rapporti culturali e ambientali in maniera diversa, e pubblica un saggio sul bilinguismo dal punto di vista psicologico. Si occupa e preoccupa di sciogliere i nodi della Babele moderna, affrontando l'elemento "tempo" nei suoi romanzi storici aderenti alla storiografia e si dedica al recupero sociale dei detenuti per motivi di giustizia fondando l'associazione Artisti Dentro Onlus. In questi campi si manifesta con interventi a giornate di studio e saggistica, sempre su base psicologica e sempre provando a sondare qualsiasi osservatorio diverso da quello usuale. Le sue opere sono tradotte in inglese, tedesco e greco.

NOVITA'
LO SPECCHIO DELLA CITTA' - ARCHITETTURA, AMBIENTE E PSICOLOGIA

a cura di Gadi Luzzatto Voghera,
LA BIBBIA MINIATA DELLA COMUNITA' EBRAICA DI VENEZIA
THE ILLUMINATED BIBLE OF THE JEWISH COMMUNITY OF VENICE


pp. 544 - F.to 16x24  p.d.c. € 80,00
ISBN 978-88-6336-431-6 - in cartonato
Arte108

La Bibbia miniata manoscritta conservata dalla Comunita' Ebraica di Venezia e' molto piu' che un libro. Nelle sue pagine iniziali viene rappresentato un dibattito interpretativo fra diverse tradizioni di scrittura ebraica. Un confronto che e' letterale ma anche figurativo, con l'utilizzo di colori, forme, immagini fantasiose e realistiche. Un oggetto piccolo, che si e' salvato dai roghi della controriforma, dalle censure iconoclaste, dalle ruberie e dai massacri del Novecento. Un libro che e' figlio di un incontro fra la civilta' ebraica, attenta alla scrittura, e la cultura italiana produttrice di meravigliose forme artistiche. Un intero universo che ci viene restituito da una misteriosa macchina del tempo. Noi oggi abbiamo il compito di valorizzarlo, per fare in modo che la catena della trasmissione non si interrompa con noi ma sia continuata dalle generazioni a venire.

The manuscript Illuminated Bible preserved by the Jewish Community of Venice is far more than a book. In its first pages one can find an interpretative debate between different Jewish writing traditions. A comparison that is literal but also figurative, with the use of colors, shapes, imaginative and realistic images. A small object, rescued from the book-burnings decreed during the Countereformation, from iconoclastic censorship, from the robberies and from the massacres of the twentieth century. A book that is the product of the encounter between the Jewish civilization, attentive to the written word, and the Italian culture producing wonderful artistic forms. An entire universe is restored to us by a mysterious time machine. Today we take up the task of fortifying this time machine and its restoration, in order to ensure that the transmission chain does not cease with us, but rather that it is continued by generations to come.

Gadi Luzzatto Voghera ha diretto per molti anni la Biblioteca Archivio Renato Maestro della Comunita' Ebraica di Venezia. Studioso e docente di storia dell'ebraismo, si occupa di salvaguardia dei beni culturali ebraici. E' direttore della Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea CDEC a Milano.

Gadi Luzzatto Voghera has directed for many years the Renato Maestro Library and Archive of the Jewish Community of Venice. He is a scholar and lecturer in Jewish history, and works in the safeguarding of Jewish Heritage. He is the director of the Center of Contemporary Jewish Documentation CDEC in Milan.

NOVITA'
LA BIBBIA MINIATA DELLA COMUNITA' EBRAICA DI VENEZIA

Cinzia Recci,
Fonetica Solletica e i Doni Sonanti


pp. 32 - F.to 16x23  p.d.c. € 8,00
ISBN 9788863364248 - punto metallico
Arte107

Le nonne... chi puo' negarne la saggezza? Clarabella Fusilla e' un'appassionata maestra d'inglese che, per insegnare ai suoi piccoli alunni la corretta pronuncia delle parole, si affida all'aiuto di alcune fate, trovate proprio grazie a un vecchio racconto di sua nonna. L'incontro con la fata Fonetica cambiera' per sempre la vita di Clarabella e il suo modo d'insegnare. I suoi alunni, i simpatici bambini della classe I° C, scopriranno che anche cose difficili, come la fonetica internazionale, possono diventare semplici con l'aiuto della magia e del divertimento. Fonetica Solletica e i Doni Sonanti sono lezioni di inglese che diventano fiaba. E' un racconto dedicato ai bambini... e agli adulti impegnati, accanto ai genitori, nel delicato compito della loro crescita: gli insegnanti.

Cinzia Recci, vive a Treviso vicino alla sua famiglia, con il compagno e due gatte. Si e' laureata in Lingue e letterature straniere all'Universita' Ca' Foscari di Venezia, con una tesi linguistico-sperimentale sulle fiabe di Oscar Wilde. Dal 1995 insegna inglese rimanendo, per scelta, nella scuola primaria. La passione per i libri l'accompagna da sempre, la vita frenetica la costringe, per molto tempo, a lasciare la scrittura in un cassetto, assieme ad altri sogni. E allora si diletta a scrivere lettere in rima, che butta giu' sui fogli di un vecchio blocco di carta. Sullo stesso blocco, la sera, scrive le storie che improvvisa in classe davanti ai suoi alunni, per far si' che lo studio dell'inglese diventi piacevole e semplice. Un riposo forzato le da' la possibilita' di trasformarle in libro, Fonetica Solletica e i Doni Sonanti.

Fonetica Solletica e i Doni Sonanti

F. Doglioni, L. Scappin,
A. Squassina, F. Trovo',
CONOSCENZA E RESTAURO DEGLI INTONACI E DELLE SUPERFICI MURARIE ESTERNE DI VENEZIA - CAMPIONATURE, ESEMPLIFICAZIONI, INDIRIZZI DI INTERVENTO
con contributi
di L. Bassotto, G. Berto, I. Cavaggioni,
R. Codello, C. Ferro, M. Menaldo, F. Rizzi

pp. 472 - F.to 21x24,5  p.d.c. € 45,00
ISBN 9788863364033
Arte106

Questo volume, vuole mettere a fuoco il tema delle superfici di intonaco e in laterizio a vista che, combinandosi tra loro, formano con la pietra le architetture dei fronti. Le quattro parti del libro, a questo scopo, intendono offrire una sequenza, logica e funzionale, dalla conoscenza all'intervento. La prima parte ha indagato i caratteri degli intonaci e delle murature a vista, portando a nuove acquisizioni e a un quadro di riferimento densamente esemplificato: ne emerge un tessuto di cultura figurativa e materiale che permette di meglio comprendere la ricchezza e l'articolazione storica e costruttiva che Venezia offre con questi suoi elementi. La seconda parte, dopo aver descritto il quadro normativo attuale e averne indicato le criticita', svolge riflessioni e affermazioni, sulle diverse componenti dell'immagine di Venezia e sul ruolo svolto dagli interventi sulle superfici nel suo permanere/mutare; propone infine criteri e indirizzi ai quali riferire gli interventi sulle superfici. La terza parte rilegge interventi realizzati negli ultimi decenni, non di rado di notevole pregio, ne analizza e compara le motivazioni, le modalita' e gli esiti; la suddivisione in edifici con murature a vista o rifinite, in architetture a marmorino o cocciopesto, insieme alla fondamentale "non categoria" dell'edilizia minuta o composita ("le altre case") mira a proporre una prima casistica tematica di riferimento. L'ultimo nucleo, riparte dalla conoscenza approfondita attraverso l'analisi chimica e petrografica di campioni significativi e propone un "saper fare" costruito sulla formulazione "inversa" delle malte di risarcimento e sulla realizzazione di campionature speculari agli esemplari antichi riconosciuti.


AUTORI
Francesco Doglioni, gia' docente di restauro allo IUAV, ha dedicato attenzione allo studio delle superfici dell'architettura, considerata come il luogo in cui i segni della costruzione, stratificati nel tempo, si manifestano e sono leggibili.
Luca Scappin, architetto e dottore di ricerca in Storia dell’architettura, scienza delle arti e restauro presso la Scuola Superiore di Studi Avanzati di Venezia. Ha collaborato e collabora a ricerche ed attivita' didattiche presso IUAV di Venezia.
Angela Paola Squassina, architetto, specializzata in restauro. Impegnata in attivita' didattiche e di ricerca presso lo IUAV dal 1998, in particolare sui temi della stratigrafia dell'architettura e della risposta conservativa al degrado, dal 2009 e' docente a contratto di restauro architettonico presso IUAV.
Francesco Trovo', architetto dal 2002 presso IUAV di Venezia, dal 2010 svolge il ruolo di architetto presso la Soprintendenza ABAP per il comune di Venezia e Laguna. Dal 2003 svolge attivita' didattica e di ricerca, prima in ambito IUAV e poi promuovendo attivamente la collaborazione tra Soprintendenza e altri soggetti, quali l'universita' e le associazioni di categoria.

CONOSCENZA E RESTAURO DEGLI INTONACI E DELLE SUPERFICI MURARIE ESTERNE DI VENEZIA
CAMPIONATURE, ESEMPLIFICAZIONI, INDIRIZZI DI INTERVENTO

a cura di Daphne De Luca,
I GIOVANI E IL RESTAURO
Arte nel tempo: significato, trasformazione e conservazione
Atti del convegno 24/25/26 febbraio 2016


pp. 232 - F.to 21x29,7  p.d.c. € 35,00
ISBN 978-88-6336-332-6
Arte105

La pubblicazione intende proporre ai lettori le migliori tesi in restauro, conservazione e diagnostica dei beni culturali conseguite presso le istituzioni italiane e straniere preposte alla formazione della figura professionale del Restauratore Conservatore e del Conservatore Diagnosta. Le tesi sono state presentate nell'ambito del convegno "I Giovani e il
Restauro. Arte nel tempo: significato, trasformazione e conservazione. Prima edizione a cura di Cinzia Giorgi e Paola Zoroaster", tenutosi in Roma, in data 24-25-26 febbraio 2016, presso la Sala Convegni del Museo Nazionale Romano a Palazzo Massimo.
Sono state selezionate fra quelle che meglio testimoniano lo stato dell'arte degli studi e dell'attivita' di ricerca in corso presso le varie istituzioni coinvolte, ma soprattutto, che mostrano di essere frutto di un lavoro collegiale fra la componente tecnica, storica e scientifica. In tale occasione, sono state scelte fra i numerosi lavori pervenuti, ventuno tesi di laurea in Conservazione e Restauro dei beni culturali e ventuno tesi di laurea in Scienze dei beni culturali di cui quattordici in tutto selezionate in
entrambe le discipline, per la Sezione Poster.
Sono state inoltre presentate quattro tesi di studenti stranieri, provenienti da Portogallo, Grecia e Cina.


CURATORE
Daphne De Luca, diplomata all'ISCR (Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro-ex ICR) di Roma e laureata in Tecnologie per la Conservazione e il Restauro dei Beni Culturali all'Universita' della Tuscia di Viterbo, Daphne De Luca esercita la professione di Restauratore dei Beni Culturali dal 2001. Dal 2008 e' professore a contratto di Conservazione e Restauro dei manufatti dipinti su supporto tessile all'Universita' degli Studi di Urbino Carlo Bo. Dal 2011 e' Direttore Scientifico della collana "Lineamenti di Conservazione e Restauro dei Beni Culturali" e dal 2012 e' membro del Comitato di Redazione della rivista "Progetto Restauro". E' membro di comitati scientifici e responsabile di progetti di ricerca dedicati allo studio delle tecniche esecutive di opere d'arte e dei materiali impiegati nel campo del restauro. E' membro del Comitato Nazionale delle Lauree in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali ed e' socio fondatore e Vice-Presidente dell'Associazione ORA (Organizzazione Restauratori Alta-formazione).

I GIOVANI E IL RESTAURO - Arte nel tempo: significato, trasformazione e conservazione

Pia Settimi,
L'ULTIMO TRADUTTORE
Jacob Alpron tra yiddish e italiano


pp. 160 - F.to 17x24  p.d.c. € 18,00
ISBN 9788863364057
Arte104

Jacob Alpron, rabbino e precettore di fanciulle e fanciulli, visse - tra '500 e '600 - a Padova, Venezia e altre localita' del Nord Italia. Egli si dedico' alla divulgazione delle norme riguardanti il corretto comportamento degli appartenenti alla religione ebraica prima scrivendo in ebraico e poi traducendo dall'ebraico all'yiddish.
Queste opere vengono oggi sommariamente presentate. Tuttavia la sua opera piu' nota fu la traduzione dall'yiddish all'italiano dei "Precetti per le donne ebree" pubblicata, mentre lui era ancora in vita, nel 1616 e nel 1624. Ora il confronto tra il testo originale e la traduzione consente, attraverso lo studio dei diversi atteggiamenti di Autore e Traduttore rispetto a singoli concetti, di tratteggiarne la personalita' e il temperamento, qualche volte imprevedibile.
Viene poi data attenzione allo studio del manoscritto originale di quella importante traduzione anche ai fini di un'analisi della lingua usata dal Traduttore ossia il giudaico-italiano, italiano scritto in caratteri ebraici corsivi e disseminato di termini ebraici.
Concludono il testo "Tre preghiere", presenti nei testi a stampa dei "Precetti per le donne" (1616-1625), ma finora anch'essi inediti.


Pia Settimi, di parziale ascendenza ebraica per parte materna, ha svolto un'intensa e movimentata attivita' nella Pubblica Amministrazione. Al termine di questo lungo periodo, si e' avvicinata allo studio della cultura ebraica a causa dell'incontro con il testo dei Precetti per le donne ebree di Benjamin Slonik, tradotto in italiano da Jacob Halpron, un rabbino e precettore padovano, agli inizi del XVII secolo. Da quello studio e' poi scaturito l'avvicinamento alla lingua ebraica e a quella yiddish e la successiva pubblicazione de La donna e le sue regole - Ebraismo e condizione femminile tra XVI e XVII secolo, Vecchiarelli, 2009. Nel 2010, ha editato Di donne e di ebrei. Memoria, fantasia e Internet (Vecchiarelli, 2010).  Successivamente ha pubblicato due saggi per "Terra e storia" Rivista di storia e cultura", Presenze ebraiche a Montagnana tra XVI e XVIII secolo (Terra e storia 3/2013) e L'archivista Felice. Storia montagnanese del secolo XVII (Terra e storia 10/2017). Dal 2009 l'Autrice ha approfondito la ricerca sulla vita e sulle opere di Jacob Halpron, o Alpron, il traduttore dei Precetti per le donne ebree, arrivando al ritrovamento di notizie e materiali fino a oggi inediti.

L'ULTIMO TRADUTTORE - Jacob Alpron tra yiddish e italiano

Flavia Pasto',
LE PIETRE SANNO PARLARE
Il linguaggio dell'architettura del paesaggio nella costruzione della memoria collettiva contemporanea
Prefazione Franco Panzini

pp. 168 - F.to 21x29,7  p.d.c. € 30,00
ISBN 978-88-6336-372-2
Arte103

Nei decenni a cavallo fra i secoli XIX e XX mausolei, cenotafi, altari della patria e innumerevoli monumenti commemorativi riempiono le piazze di ogni citta', celebrando la forza politica, le conquiste belliche e le morti illustri con statue e costruzioni, in un tripudio di pietra e marmo. Negli anni che seguono, dopo le due guerre mondiali e gli stermini di massa, l'Olocausto e le bombe atomiche, si assiste a una mutazione nell'individuazione di elementi simbolici capaci di rappresentare quelle immani tragedie e, di conseguenza, a un cambiamento nella progettazione e nella costruzione dei luoghi della memoria. Si cercano nuove soluzioni e si intravede nella natura una possibile alleata al ricordo, riconoscendo in questa un potere rigenerante e consolatorio ben piu' efficace. Prendono forma, quindi, altre tipologie di costruzione, con linguaggi ed elementi diversi, legati questa volta alla progettazione degli spazi aperti e al rapporto con il paesaggio, e che caratterizzano l'evoluzione nella costruzione dei luoghi del ricordo del XXI secolo.


Flavia Pasto', Architetto e paesaggista. Laureata in architettura a Venezia, ha poi conseguito un master in Progettazione del Paesaggio e delle Aree Verdi presso l'Universita' di Torino e il dottorato Europeo in Progettazione Paesaggistica presso l'Universita' degli studi di Firenze e la Technische Universität di München. Assegnista di ricerca presso l'universita' IUAV di Venezia (2014-2015), alterna l'attivita' professionale alla ricerca e alla didattica, collaborando con il Politecnico di Milano e l'Universita' di Trieste, dove e' attualmente titolare del corso di progettazione del paesaggio.

LE PIETRE SANNO PARLARE

UP : NEXT

logo
CASA EDITRICE
35020 SAONARA (PADOVA) - Via Lombardia 41/43
Tel. 049/640105 - Fax 049/8797938
line
Home - Restauro - Arte e Beni Culturali - Letteratura Poesia e Tematiche Sociali
Storia Filosofia e Memorialistica - Economia e Societa' - Guide Turistiche
Appuntamenti e Segnalazioni - Acquisti on Line
e-mail - Mailing List - Links - Web Rings - English Please!