logo
CASA EDITRICE

Sezione Beni Culturali
"ARTE"

pagina 5
pagina 1 : pagina 2 : pagina 3 : pagina 4
pagina 6 : pagina 7 : pagina 8 : pagina 9 : pagina 10

 

Gianni Callegaro,
PRIMA CHE il TEMPO CANCELLI la MEMORIA
I combattenti e i caduti di Arquà  Petrarca nella guerra di Libia e nella prima guerra mondiale

copertina a 4 colori
pp 320 - F.to 21x 26 - p.d.c. € 30,00
ISBN 978-88-6336-109-4
Arte61

L'autore ha realizzato uno studio dove protagonisti sono tutti quei giovani che dovettero partire non appena la drammatica esperienza della guerra colpì il comune di Arquà  Petrarca (Pd), travolgendo la vita dei suoi cittadini. Questo libro ci offre inoltre una esauriente descrizione dei due conflitti (Libia e prima guerra mondiale), il quadro completo di coloro che vennero inviati nei territori dove ebbero modo di conoscere le tragiche vicende della guerra. Questi giovani sono tutti elencati e, dopo anni di ricerche, l'autore ne riporta la storia militare desunta dai fogli matricolari arrivando ad indicare il luogo di sepoltura dei caduti. Questo testo ha il merito di togliere dall'anonimato i cittadini di Arquà  Petrarca che furono protagonisti delle vicende belliche, ricordandone nomi, immagini ed eventi, ma ricordando loro, l'autore fa emergere dall'oblio tutti i caduti delle guerre.

Gianni Callegaro, appassionato e studioso di storia militare, ha rivolto la sua attenzione alle vicende storico militari di Arquà  Petrarca al fine di preservarne la memoria.

PRIMA CHE IL TEMPO CANCELLI LA MEMORIA

a cura di Giuseppe Basile,
LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI COME INTERESSE VITALE DELLA SOCIETA'
copertina a 2 colori
pp 224 - F.to 16x 22 - p.d.c. € 18,00
ISBN 978-88-6336-096-6
Arte60

Il volume è una raccolta di testimonianze di amici o comunque stimatori di Giovanni Urbani, di seguito si riporta l'indice:
La difficile eredità  di Giovanni Urbani (Giovanni Carbonara); Giovanni Urbani: intorno al restauro (Jukka Jokilheto); Urbani e le varie dimensioni del restauro (Paolo Fancelli); Dal restauro alla conservazione programmata (Giuseppe Basile); Riflessioni su Giovanni Urbani teorico della conservazione (Mario Micheli); Il ruolo delle indagini scientifiche per il restauro e la conservazione secondo il pensiero di Giovanni Urbani (Marisa Laurenzi Tabasso, Maurizio Marabelli); Come insegnava Urbani all'Istituto Centrale del Restauro (Gabriella De Monte); Giovanni Urbani e l'"avanguardia" del cantiere Friuli (Donatella Cavezzali); L'impegno di Giovanni Urbani per la tutela del Patrimonio artistico e culturale (Desideria Pasolini dall'Onda); "Aperuit et clausit". Onore ai leoni stilofori. Ricordo di un incontro con Giovanni Urbani (Francesco Scoppola); La figure de Giovanni Urbani en restauration vue de Paris (Sègolène Bergeon Langle).
Appendice: Sul restauro delle lacune nei dipinti; Schede di restauro di opere d'arte; Studi radiografici sul Caravaggio: illustrazione delle Tavole; Restoration of frescoes in Rome and Assisi; La conservation des peintures sur panneaux; Propositions pour un programme de recherches sur la conservation des peintures sur toile. Comitè de l'ICOM pour la conservation, Amsterdam 14-19 septembre 1969; Scheda bio-bibliografica (Domenico Bontempi).

CURATORE
Giuseppe Basile è dal 1976 funzionario storico d'arte presso l'Istituto centrale del restauro (Ministero Beni Culturali), dove dal 1987 dirige il Servizio per gli interventi sui Beni artistici e storici. Dall'anno accademico 1991/92 è docente presso la Scuola di specializzazione in Storia dell'arte all'Università  "La Sapienza" di Roma (Teoria e storia del restauro delle opere d'arte), dal 1995 è membro ordinario della Pontificia Commissione per i Beni culturali della Chiesa e della Pontificia Commissione per l'Archeologia sacra.

LA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI COME INTERESSE VITALE DELLA SOCIETÀ

a cura di Francesco Brunello,
Valentina Pietropolli, Roberta Vasselli,
DIALOGHI SU MESTRE
Conversazioni tra Piero Bergamo e Luigi Brunello

copertina a 2 colori - Ricco apparato iconografico
pp 128 - F.to 22x 27 - p.d.c. € 30,00
ISBN 978-88-6336-103-2
Arte59

Questo libro nasce grazie al ritrovamento di alcune cassette contenenti la registrazione vocale delle nove puntate che Piero Bergamo (1928-2001) e Luigi Brunello (1920-2008) realizzarono alla fine degli anni Settanta per Radio Mestre Centrale. Le cassette sono state trascritte e ne è risultato un piacevole testo fatto di dialoghi fra i due personaggi mestrini che sulla storia e la cultura della loro città  spesero buona parte della loro esistenza. La Mestre degli anni Settanta era anonima, caotica, senza spazi verdi nè punti di aggregazione. "La più brutta città  d'Italia vicino alla più bella del mondo": questo si diceva trent'anni fa di Mestre. Una città  che, al contrario, trecento anni fa, vantava monumenti, canali, stazioni di posta. Tutto cancellato. Da allora è iniziata una lenta e lunga traversata del deserto, un ripensamento urbanistico della città  di cui Piero Bergamo e Luigi Brunello sono stati protagonisti.

Francesco Brunello. Nato a Mestre nel 1954, dove tuttora vive. Libero professionista tributarista, è figlio di Luigi, appassionato autore di numerosi libri sulla storia della Città  di Mestre. Si interessa dei luoghi in cui vive, soprattutto per quanto riguarda l'aspetto del verde e del recupero delle parti storiche ancora esistenti, contro l'incalzare senza soluzione di continuità  della speculazione edilizia e dell'incuria che incombe dagli anni '50 a tutt'oggi.
Valentina Pietropolli. Nata a Mestre, dove tuttora vive, si laurea nel 1992 presso l'Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Da sempre interessata alla salvaguardia del verde urbano e del patrimonio storico e culturale mestrino, ha preso parte ad iniziative riguardanti in particolare il rilievo e la catalogazione delle chiese delle terraferma e dei forti del Campo Trincerato di Mestre.
Roberta Vasselli. Mestrina, scrive in prevalenza poesia, ma si dedica alla narrativa con racconti medio/brevi di genere vario. Fa parte del Gruppo Poesia Comunità  di Mestre. Collabora dal 1998 con la musicista-docente veneziana Elda Schiesari nella realizzazione di brani per composizioni vocali e didattiche per bambini. E' presente in molte antologie poetiche, e in vari numeri della rivista di didattica e musica corale "La Cartellina". Per Horizon Editoria ha scritto le Sillogi "Voli Liberi" (2005) e "Latitudine Obliqua" (2009).

DIALOGHI SU MESTRE

a cura di Giuseppe Basile,
Maria Cristina Bandera,
Longhi-Brandi
convergenze, divergenze
Atti dell'incontro di studio
Firenze, 27 maggio 2008

copertina a 2 colori
pp 144 - F.to 17x 24 - p.d.c. € 15,00
ISBN 978-88-6336-101-8
Arte58

Dagli interventi che qui si pubblicano il lettore viene informato che i rapporti Tra Longhi e Brandi non ebbero un percorso lineare e pacifico, ma videro momenti e periodi prolungati di tensione e di disaccordo, fino a concludersi, anche grazie ai buoni uffici di Gianfranco Contini, con una salda amicizia manifestatasi con la candidatura di Brandi proposta da Longhi quale suo successore alla cattedra di Firenze. Com'è noto, le cose andarono in diverso modo con un altro vincitore, anch'egli peraltro di tutto rispetto. Il campo del più aspro contendere fu il restauro. Longhi criticò severamente la gestione di Brandi dell'Istituto Centrale del Restauro e l'opportunità  di una teoria alla quale non credeva come altri studiosi. Oggi apprezziamo il metodo rigoroso di operare difeso da Brandi e sappiamo che i suoi scritti hanno contribuito ad affermare all'estero il primato italiano nel campo del restauro. Il tempo gli ha dato ragione. Il mondo di Longhi e di Brandi sembra comunque finito irrevocabilmente, ma rimane nel ricordo per accrescerci e farci scoprire orizzonti più aperti e consolatori.

Longhi-Brandi convergenze, divergenze

a cura di Bernard Aikema, Emanuela Zucchetta,
LA FACCIATA DELLA CHIESA DI SAN ZACCARIA
PERCORSI DI STORIA E CONSERVAZIONE

interno a colori
pp 112 - F.to 23x 27 - p.d.c. € 25,00
ISBN 978-88-6336-096-7
Arte57

Fra le chiese protorinascimentali veneziane, quella dedicata a San Zaccaria costituisce un caso eccezionale. Riccamente addobbata di marmi preziosi e pietre di vari colori, la costruzione, eretta nelle forme attuali lungo un arco trent'anni, segna in modo esemplare la transizione tra tardogotico e rinascimento lagunare. Questo libro non pretende di ripercorrere, se non per sommi capi, l'intricata vicenda della storia edilizia di San Zaccaria, ma si concentra sulla spettacolare facciata dell'edificio: un capolavoro a sè stante e ora riportato all'antico splendore grazie alla campagna di restauro recentemente conclusasi.

Bernard Aikema. Professore Ordinario di Storia dell'Arte Moderna all'Università  di Verona, le sue ricerche si concentrano sull'arte veneta e sui problemi della dimensione europea del Rinascimento. E' autore di saggi sull'arte veneta e sui rapporti artistici fra l'Italia e i Paesi Bassi. Ha curato numerose mostre in Europa e negli Stati Uniti. E' presidente del comitato scientifico della Fondazione Tiziano e direttore della rivista "Studi Tizianeschi", e presidente del Comitato Olandese per la salvaguardia di Venezia.
Emanuela Zucchetta. Storico dell'arte, laureata in lettere presso l'Università  di Cà  Foscari, con perfezionamento in Storia dell'Arte, lavora presso la Soprintendenza per i Beni Architettonici e
Paesaggistici di Venezia e Laguna. Insegna in numerosi corsi, tra cui "Storia delle tecniche artistiche e teoria del restauro" presso l'Università  Cà  Foscari di Venezia.

LA FACCIATA DELLA CHIESA DI SAN ZACCARIA

a cura di Paola Iazurlo, Francesca Valentini,
CONSERVAZIONE DELL'ARTE CONTEMPORANEA TEMI E PROBLEMI. UN'ESPERIENZA DIDATTICA
copertina a 2 colori
pp 144 - F.to 21x 29,7 - p.d.c. € 25,00
ISBN 978-88-6336-095-0
Arte56

Tra aprile e giugno 2009 l'Associazione Amici di Cesare Brandi ha organizzato su incarico della Regione del Veneto e in collaborazione con l'Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro (ISCR), la Soprintendenza per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico (PSAE) di Verona, Rovigo e Vicenza, la Soprintendenza Speciale PSAE e Polo Museale di Venezia, l'Università  degli Studi di Cà  Foscari un ciclo di seminari formativi finalizzati all'approfondimento di alcune tematiche relative alla tutela, salvaguardia e conservazione dell'arte contemporanea. Il presente volume raccoglie la testimonianza di quegli incontri, rivolti soprattutto a funzionari storici dell'arte e restauratori delle soprintendenze locali nonchè a operatori privati, e intende proporsi come agile strumento di consultazione e aggiornamento in ambito museale e didattico.

Paola Iazurlo (1971) Diplomata Restauratore di Beni Culturali all'Istituto Centrale per il Restauro di Roma laureata presso la Facoltà  di Lettere e Filosofia dell'Università  La Sapienza di Roma specializzata in Storia dell'Arte Medioevale e Moderna. Dal 2002 ha affiancato la libera professione con l'attività  istituzionale in ICR, lavorando nel laboratorio di restauro dei Materiali dell'Arte Contemporanea, dove svolge attività  di restauro, ricerca e insegnamento nel settore della conservazione delle opere d'arte contemporanee. Dal 2008 svolge inoltre attività  di docenza sul restauro dei manufatti lapidei nell'ambito del corso di Laurea in Conservazione dei Beni Culturali dell'Università  "Carlo Bo" di Urbino.
Francesca Valentini (1976) Laureata in storia dell'arte moderna all'Università  La Sapienza di Roma, dal 2000 lavora alla Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea di Roma. Collabora dal 2003 con la cattedra di Storia della critica d'arte di Orietta Rossi della facoltà  di Scienze umanistiche della Sapienza di Roma. Si occupa di conservazione del contemporaneo dal 2005, con una ricerca sulla storia conservativa della Collezione Burri di Città  di Castello. Ha conseguito nel 2009 un dottorato di ricerca presso la Terza Università  degli Studi di Roma, Suoi contributi sulla conservazione dell'arte contemporanea e sul suo rapporto con la critica d'arte sono in pubblicazioni italiane ed europee.

CONSERVAZIONE DELL’ARTE CONTEMPORANEA TEMI E PROBLEMI. UN’ESPERIENZA DIDATTICA

a cura di Giorgia Roviaro
CAPPELLERIA PALLADIO
Bottega storica in Vicenza

interno a colori " copertina a 4 colori
pp 84 - F.to 21x 21 - p.d.c. € 25,00
ISBN 978-88-6336-084-4
Arte55

Se oggi è lecito chiedersi quanto sia ancora possibikle parlare di provincia felice, una delle tente risposte che Vicenza può dare consiste nel varcare la soglia della Cappelleria Palladio, come testimoniano le stupende fotografie di questo libro (realizzate da Giovanni De Sandre), vi troverete a visitare un mondo, variopinto e lussuoso, che sembra rubato di peso da un libro di fiabe, quando invece possiede tutti i colori, le fogge e le rifiniture di una realtà  calata nella storia del più creativo ed elegante artigianato. In questo negozio si racconta la storia della società  e delle sue mode, attraverso meravigliosi copricapo pronti ad assumere di volta in volta le sembianze di un panama, un borsalino, un colbacco, un basco. Per non parlare degli incantevoli cappelli da donna, che da soli bastano a rievocare un film di Holliwood o un'intera epoca del nostro passato.

CAPPELLERIA PALLADIO

edited by Giuseppe Basile,
RESTORING THE BASILICA OF SAINT FRANCIS IN ASSISI
Research and restoration work on the wall paintings and stained glass windows after the 1997 earthquarke

LA PUBBLICAZIONE E' IN INGLESE
interno b/n "copertina a 4 colori
pp 224 - F.to 21 x 29,7 - p.d.c. € 35,00
ISBN 978-88-6336-083-7
Arte54

Questo libro raccoglie gli studi e le ricerche relative al restauro della Basilica di San Francesco dopo dieci anni dal devastante terremoto che ha colpito l'Umbria (26 settembre 1997). All'interno sono raccolti i saggi di:
F. Vincenzo Coli, Francesco Scoppola, Caterina Bon Valsassina, Gisella Capponi, Mario Serio, Luciano Marchetti, Antonio Paolucci, Maria Andaloro, Giuseppe Basile, Sergio Fusetti, Carla D'Angelo, Carla D'Angelo, Carlo Giantomassi, Giovanna Martellotti, Elena Latini, Stefano Marson, Haydèe Palanca, Paola Pogliani, Giovanni Attolico, Arcangelo Distante, Manuela Viscontini, Laura Cacchi, Paola Cinti, Lidia Rissotto, Emanuela Ozino Caligaris, Nicoletta Bernacchio, Laura Cacchi, Tiziana Litteri, Valentina White, Stefania Botti, Melinda Mihà lyi, Caterina Pileggi, Maria Cristina Rossini, Maria Angela San Mauro, Sandro Massa, Giovanni Filacchioni, Marcella Ioele, Sergio Omarini, Ulderico Santamaria, Sergio Omarini, Stefano D'Amico, Angelo Rubino, Sandro Massa, Alessandro Marchi, Mario Tavino, Paola Santopadre, Domenico Artioli, Giovanni Bottiroli, Antonietta Gallone, Barbara Masala, Giorgio Croci, Francesco Sacco, Anna Maria Marcone, Marina Angelini, Roberta Bollati, Marco Causi.

CURATORE
Giuseppe Basile. Dal 1976 è funzionario storico d'arte presso l'Istituto centrale del restauro (Ministero Beni Culturali), dove dal 1987 dirige il Servizio per gli interventi sui Beni artistici e storici. Dall'anno accademico 1991/92 è docente presso la Scuola di specializzazione in Storia dell'arte all'Università  "La Sapienza" di Roma (Teoria e storia del restauro delle opere d'arte), dal 1995 è membro ordinario della Pontificia Commissione per i Beni culturali della Chiesa e della Pontificia Commissione per l'Archeologia sacra.

RESTORING THE BASILICA OF SAINT FRANCIS IN ASSISI

a cura di Alessandro Pasetti Medin,
LONTANANZE CAPOVOLTE
nuovi scritti di amici per Raffaella Piva

interno b/n "copertina a 4 colori
pp 240 - F.to 17 x 24 - p.d.c. € 15,00
ISBN 978-88-6336- 076-9
Arte53

Si tratta di una raccolta di scritti di argomento storico-artistico dedicati alla studiosa scomparsa Raffaella Piva che segue ad una prima raccolta (Altrove, non lontano. Scritti di amici per Raffaella Piva edizioni il prato) pubblicata nel 2007. I saggi sono:
RICCARDO AMERIO, Metamorfosi e continuità  nell'anfiteatro tilaventino (note di taccuino dalla scena del terremoto del Friuli); MARGHERITA AZZIVISENTINI, Vedute di Roma e dintorni e "nuovo sentire": dal paesaggio arcadico con rovine classiche alla natura sublime, riflessioni in margine ad alcuni acquerelli inediti tra Sette e Ottocento; GIORGETTA BONFIGLIO-DOSIO, L'indice: ponte tra saperi e strumento di organizzazione delle informazioni; ILARIA DAGNINI BREY, Questione di dettagli; GIUSEPPINA DAL CANTON, Le incisioni veneziane di Emile Bernard; RENZO FONTANA, Sull'identificazione dell'autoritratto di Giambattista Maganza il Vecchio agli Uffizi; STEFANO FRANZO, Cronachette di moda francese e italiana primo; CARLO FUMIAN, 1953. Un anno alla rinfusa; FRANCESCA GHERSETTI, Itinerario tra le carte d'archivio: un ingegnere e un artista, Etiopia 1938-1940 (e alcune considerazioni); MARGHERITA LEVORATO, Paesaggi veneto-friulani, pianure e lagune. Suggestioni letterarie; CATERINA LIMENTANIVIRDIS, Lost in translation: citazioni ed equivoci; MARIELLA MAGLIANI, La vecchia sede della Biblioteca Civica di Padova, VINCENZO MANCINI, Briciola sul 'michelangiolismo' nella Venezia di metà  Cinquecento; LISANNA PASOTTO, CINZIA ROMANELLO, ROMINA GIOLO E MICHELA GAMBATO, Notizie e curiosità  dalla biblioteca del dipartimento di Storia delle arti visive e della musica; ANTONELLA PIETROGRANDE, La nuova addizione dell'Orto botanico di Padova alla luce della sua lunga; FRANCESCO PIOVAN, Notizie di Pirgotele; ADRIANO RABACCHIN, La presenza del passato: il restauro e il nuovo lapidario della Casa degli Specchi a Padova; LORENZO RANZATO, Il "parco delle Mura": una risorsa per la politica di valorizzazione dei beni culturali e di promozione culturale della città  di Padova; CHIARA RIGONI, Una nuova opera di Gregorio Lazzarini nel territorio di Vicenza; FAUSTO ROSA, Le ragioni di una professione per le biblioteche; LUCIANO TESTA, I materiali dell'opera: simulare/dissimulare ovvero dell'inattesa orizzontalità  del grattacielo; ALESSANDRA TIDDIA, Per aspera ad astra. Sfingi, fortezze, mostre e un artista simbolista a Trieste: Karl Wilhelm Diefenbach; ORNELLA TOMMASI, Con Raffaella tra Padova e Trento, attraverso progettualità  culturali; PAOLA TOSETTI GRANDI, Andrea Mantegna, Vosonio e Matteo Bosso: frammenti e indizi d'amicizia; MARINA ZANAZZO, La perizia.
E' un libro per storici dell'arte, bibliotecari, restauratori, collezionisti, antiquari, studenti.

LONTANANZE CAPOVOLTE

a cura di Anna Monaci,
SHALI
a matter of conservation

TUTTO IN LINGUA INGLESE
interno a colori " copertina a 4 colori
pp 112 - F.to 22 x 28 - p.d.c. € 35,00
ISBN 978-88-6336- 078-3
Arte52

Questo libro illustra i risultati del progetto di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e sviluppo di attività  ecoturistiche nell'oasi di Siwa, Governatorato di Marsha Matruh, Egitto(2005-2007), approvato dal Ministero degli Affari Esteri, progetto che intende contribuire all'avvio di una politica di conservazione e restauro degli edifici storici e della tradizione costruttiva locale, attraverso una serie di interventi mirati alla sensibilizzazione, alla formazione tecnica ed al sostegno istituzionale alle municipalità  ed alle altre autorità  locali nell'individuazione e nella messa in atto di politiche di tutela e attraverso l'apertura di un cantiere pilota nell'antica rocca di Shali.
Il progetto, partendo dallo studio sulle tecniche e sui materiali per arrivare al consolidamento di una porzione di mura dell'antica rocca, intende fornire gli strumenti che permettano alle autorità  ed alla popolazione locale di procedere al ripristino delle abitazioni in Karsheef impiegando tecniche di costruzione tradizionali e materiali locali. L'oasi di Siwa è situata nel cuore del "Deserto Occidentale" egiziano, situata su una rotta commerciale battuta sin dai tempi più remoti, l'oasi testimonia il passaggio di importanti carovane di mercanti e l'insediamento di un' importante scuola architettonica. Di questa rimangono testimonianze notevoli, quali i templi di Ammone e le tombe di Jabal al-Matwa (le tombe più antiche risalgono alla 26a dinastia e all'epoca tolemaica). Della successiva produzione architettonica rimangono alcuni importanti monumenti e i borghi della città  vecchia di Siwa (Shali). La città  medievale di Siwa, che prende il nome di Shali (che nel linguaggio siwano significa "La Città "), fu fondata nel 1203 d.C. da quaranta abitanti di quella che, all'epoca, era la principale città  dell'oasi, Aghurmi. I fondatori della città  costruirono le proprie residenze all'interno di una potente cinta muraria e nel corso dei secoli l'aumento demografico creò notevoli problemi abitativi.
E' un libro per archeologi, architetti, conservatori, università .

SHALI a matter of conservation

PREV : UP : NEXT

logo
CASA EDITRICE
35020 SAONARA (PADOVA) - Via Lombardia 41/43
Tel. 049/640105 - Fax 049/8797938
line
Home - Restauro - Arte e Beni Culturali - Letteratura Poesia e Tematiche Sociali
Storia Filosofia e Memorialistica - Economia e Società  - Guide Turistiche
Appuntamenti e Segnalazioni - Acquisti on Line
e-mail - Mailing List - Links - Web Rings - English Please!