logo
CASA EDITRICE

Sezione Storia Filosofia Psicologia e Memorialistica
"STORIE VENETE"
collana

 

Giovanna Baldissin Molli,
BLU PAONAZZO
Furti, amori e crimini sotto le cupole del Santo al tempo di Donatello a Padova

pp. 184 - F.to 15 x 23
ISBN 9788863364224  pdc € 15,00
StorVe05

Donatello arrivo' a Padova, da Firenze, alla fine del 1443. Il doge di Venezia Francesco Foscari, il signore di Firenze Cosimo de' Medici, la famiglia di Erasmo da Narni, avevano richiesto il suo intervento per eseguire una tomba nella basilica di Sant'Antonio di Padova, destinata ad accogliere il corpo di Erasmo, capitano generale delle armate veneziane. Nella citta', sottomessa a Venezia da circa quarant'anni, lo scontento della nobilta' contro la dominatrice lagunare serpeggiava e nella basilica di Sant'Antonio, divenuta luogo di frequentazione abituale per Donatello, un furto sacrilego scosse l'animo della comunita' dei frati e dei padovani tutti, legatissimi a quella chiesa. Chiacchiere, sospetti, altri furti sacrileghi contribuirono a creare un clima di sospetti e ricatti, che coinvolsero anche Donatello. Solo nel 1453 la trama contorta trovo' soluzione, ma a pagare un prezzo pesante non furono solo i colpevoli.

Giovanna Baldissin Molli, docente di Storia delle arti applicate e dell'oreficeria nel Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica. Ha come ambito di ricerca principale la storia dell'oreficeria veneta, tra la fine del Medioevo e il Rinascimento, sia di ambito liturgico che di area profana. Si e' occupata di beni di lusso e del dialogo che le forme degli strumentari diversi - ma sempre di qualita' formale elevata - hanno intessuto con la pittura e la scultura coeve. Si occupa altresi' di pittura veneta del Rinascimento, in modo particolare di area veronese; ha indagato aspetti diversi delle opere d'arte della basilica del Santo, dedicando un volume (2011) al monumento equestre di Erasmo da Narni, detto Gattamelata, opera di Donatello, sul sagrato del santuario antoniano. Dal novembre 2016 fa parte del Collegio di Presidenza della Veneranda Arca di S. Antonio.

NOVITA'
BLU PAONAZZO - Furti, amori e crimini sotto le cupole del Santo al tempo di Donatello a Padova

Giuseppe Svalduz,
MORIRE CON VENEZIA
L'inevitabile sovrapposizione degli effetti

pp. 240 - F.to 15 x 23
ISBN 978-88-6336-313-5  pdc € 22,00
StorVe04

Nel libro vengono raccontate due storie che continuamente si intersecano fino a diventare una sola: l'amore tra due ragazzi che crescera'  sempre piu' grazie alla continua scoperta e conoscenza della storia e delle particolarita' urbane e ambientali di Venezia, della sua laguna e della sua terraferma. Questa relazione e questo continuo svelarsi della citta' permette al lettore di conoscere il passato remoto e recente di Venezia e, grazie alla capacita' narrativa dello scrittore, di immaginarsi un suo verosimile futuro dove saranno protagonisti i cambiamenti climatici, il MOSE, il Palais Lumier e molto altro.

Giuseppe Svalduz, ingegnere edile, nato a Mestre nel 1932 e' stato consigliere comunale a Venezia. Ha scritto: Una croce sulla foiba nel 1996, edito da Marsilio; Pietre scartate nel 2003, edito da Canova; Chiedilo alle rotaie nel 2012, edito da Casa Editrice El Squero.

MORIRE CON VENEZIA

Sibyl von der Schulenburg,
PER CRISTO E VENEZIA
IL FELDMARESCIALLO JOHANN MATTHIAS VON DER SCHULENBURG AL SERVIZIO DELLA SERENISSIMA

Opera derivata da "Der Konig von Korfu"
di Werner von der Schulenburg
pp. 336 - F.to 15 x 23
ISBN 978-88-6336-274-9  pdc € 25,00
StorVe03

Nel 1716 il mondo occidentale e' minacciato dall'impero ottomano. I potenti d'Europa si muovono per arginare l'ondata islamica che minaccia di conquistare i pascoli cristiani. Il conte Johann Matthias von der Schulenburg, un condottiero tedesco, e' chiamato a difendere l'isola veneziana di Corfu', l'estremo avamposto d'Europa, per dare a Eugenio di Savoia il tempo di portare le sue truppe a est. L'amore di due donne, l'orgoglio e l'onore, sono le basi sulle quali il feldmaresciallo von der Schulenburg costruisce la difesa con soli tremila uomini contro quarantamila nemici. In palio ci sono Venezia, l'Europa, la cristianita', e la gloria postuma. Per Cristo e Venezia! E' l'urlo di guerra dei soldati del feldmaresciallo nonche' il titolo della versione italiana di un romanzo pubblicato per decenni all'estero, in numerose edizioni.

AUTORE
Sibyl von der Schulenburg e' l'ultima figlia di Werner von der Schulenburg. Cresciuta bilingue in Ticino, ha poi il privilegio di studiare per alcuni anni della sua adolescenza in Italia, a Firenze e Como, dove recepisce la cultura italiana. Studia giurisprudenza a Milano e li' stabilisce la base della sua vita professionale e affettiva. Dopo una lunga e positiva carriera imprenditoriale, nel campo dell'alta tecnologia, torna a dedicarsi alla letteratura e allo studio, in particolare delle materie psicologiche.
Nell'archivio privato lasciato dal padre, scomparso quando lei aveva solo 4 anni, scopre tracce delle laboriose ricerche fatte dal genitore settant'anni prima per documentare la vita del feldmaresciallo e trova anche documenti storici di valore, sulla base dei quali scrive un romanzo biografico sulla figura paterna.
Attualmente, pubblica saggistica e romanzi a sfondo psicologico. Si occupa inoltre di tradurre e rielaborare alcune delle opere maggiori di Werner von der Schulenburg da offrire al pubblico italiano in una veste piu' moderna.
www.sibylvonderschulenburg.com

Werner von der Schulenburg nasce nel 1881, rampollo di nobile famiglia prussiana. Riceve un'educazione conforme al suo stato e frequenta la scuola imperiale dei cadetti militari che lo porta fino al primo grado di ufficiale. Rifiuta poi la vita militare e si dedica appieno alla letteratura, ai viaggi e alla diplomazia. Si laurea in giurisprudenza e storia dell'arte. Durante la prima guerra mondiale Schulenburg e' responsabile dell'ufficio stampa all'ambasciata tedesca a Berna; tra le sue varie missioni si ricorda la trattativa
condotta con Lenin a Zurigo per l'espatrio del russo attraverso i territori tedeschi dentro il famoso "treno piombato". In quel periodo Schulenburg ha gia' pubblicato diversi romanzi, ma il meglio della sua produzione avviene tra le due guerre e lontano dalla Germania. Dal 1919 Schulenburg si trasferisce dapprima in Ticino e poi in Italia; sono anni fecondi di commedie teatrali di gran successo e romanzi con forte impronta satirica. La seconda guerra mondiale lo vede gia' schierato contro il nazismo. L'Italia lo
rricorda su un monumento a Verona, accanto al famoso antenato Johann Matthias von der Schulenburg. Muore nel 1958 in Ticino.
www.wernervonderschulenburg.com

PER CRISTO E VENEZIA

Fulvio Fronzoni,
RE PROFUMO
LA RICCHEZZA E' SAPER SOGNARE

pp. 548 - F.to 15 x 23
ISBN 978-88-6336-226-8  pdc € 25,00
StorVe02

Il nobile tedesco Alberto Buxthoeven, in contrasto con un destino gia' scritto che lo vedrebbe banchiere secondo la tradizione famigliare, sceglie di dedicare la propria esistenza allo studio dei profumi e alla ricerca della Divina Essenza. L'essenza che Alessandro il Grande utilizzo' per la sua ascensione sull'Olimpo. La ricerca di un profumo-mito si rivelera' essere la metafora di una ricerca interiore ben piu' ambiziosa: quella della felicita'. Sofia Duchamp e' invece il principale personaggio femminile: insegna l'arte del profumo in una scuola di Parigi. E' la giovane e bella figlia di un tenutario di Grasse, nella cui azienda sono coltivate piante e fiori per l'estrazione delle essenze. E poi il carismatico padre del protagonista, Frederick Buxthoeven; Viola Duchamp, sorella di Sofia; Lorenzo Lenzi Santini un allievo innamorato di Alberto; Five dollars Baby, una prostituta veneziana che ha amato solo i profumi e poi, molti altri personaggi ancora. Il profumo e' come vita liquida. Il suo scorrere diventa musica che ci accompagna, ci fa sognare, ricordare, riflettere portandoci negli angoli piu' nascosti della nostra anima. I campi di lavanda a Grasse, l'odore del Cimetie're Marin di Se'te, i profumi della Sardegna, del mare e della notte, Istanbul, il Caffe' Loti, la spiaggia di Ilio, il Bosforo, la fumigazione in un monastero ortodosso, l'odore di una grotta sul Monte Athos, Treviso e Venezia, Venezia e poi ancora Venezia. Infine il profumo della felicita'. La trama di Re Profumo ci fa viaggiare con la fantasia, con l'olfatto e con il cuore, in piu' luoghi e in epoche diverse distanti fra loro: nel 1986 come nel 325 a.C. o nel 1204 d.C. a Costantinopoli. La' incontriamo personaggi affascinanti e misteriosi, presenze quasi eteree che in sogno si manifestano, definite e veritiere, salvo dileguarsi subito dopo, come in una staffetta narrativa tra fantasia e vita reale. Le avventure che il protagonista e i numerosi personaggi vivono, sono assimilate emotivamente all'evoluzione olfattiva di un profumo.
Il volume, è un testo per tutti, di facile lettura, particolarmente indicato per chi è curioso del mondo dei profumi.

AUTORE
Le essenze sono per lui una professione e una passione. Fulvio Fronzoni sviluppa la sua carriera nel mondo della profumeria. Affascinato dalla capacita'  narrativa che ogni essenza possiede, dotato di un innato talento creativo e di una sottile sensibilita'  nel leggere fra le righe i messaggi, le emozioni e la poesia rivelata dalle gocce di profumo, Fronzoni dedica a questa passione totalizzante la sua opera prima in prosa.

RE PROFUMO - LA RICCHEZZA E' SAPER SOGNARE

Ruggiero Marconato,
IL VOLTO DI GIORGIONE
la vita di un grande maestro ricostruita attraverso i suoi dipinti

pp. 100 - F.to 16 x 24
Tutto a  colori
ISBN 978-88-6336-100-1  pdc € 25,00
StorVe01

Nella penuria di documenti esistenti su Giorgione ricostruire la sua vita attraverso l’analisi dei dipinti, la loro contestualità e interpretazione può sembrare un tentativo temerario. Ma se alla cinquantina di lavori ormai tranquillamente attribuiti al pittore di Castelfranco si aggiunge la presentazione della società colta di Venezia a lui riferibile allora il contesto per capire la nascita di tanti capolavori diviene maggiormente credibile. È quello che questo romanzo cerca di fare, rielaborando le innumerevoli informazioni di storici e critici che a Giorgione e al suo mondo hanno dedicato i loro studi. Naturalmente le opere del pittore, siano esse affreschi tavole o tele, sono lette con un linguaggio iconografico preciso, attento a cogliere sia le suggestioni formali sia i particolari più significativi per giungere a spiegarle in modo il più possibile vicino alla complessa “verità” di Giorgione, al di là delle infinite questioni che tormentano la sua vita e le sue opere. Emerge un affascinante mosaico di uomini e di circostanze che hanno caratterizzato, tra l’ultimo decennio del Quattrocento e il primo del Cinquecento, uno dei periodi più splendidi della più fantastica città italiana.
Si tratta di un romanzo, un testo per tutti.

Ruggiero Marconato ha pubblicato molti volumi di storia e arte, fra i quali: La figura e l’opera di Leone Wollemborg, il fondatore delle casse rurali italiane (1984); Civiltà veneta di Terraferma (1994) - Premio “Brunacci, Città di Monselice”; La famiglia Polcastro. Personaggi, vicende e luoghi di storia padovana (1999); Antonio Baratella (1385-1448). Vita, opere e cultura di un umanista padovano (2002); Ville dell’Alta Padovana (2003); Guida ai beni storico-artistici della Provincia di Padova (2004); La proprietà Dalesmanini – Da Rio a S. Andrea di Campodarsego (2005); Chiese dell’Alta Padovana (2006). Dirige il semestrale “Storia, Cultura, Società”, edito dalla Fondazione “Alta Padovana Leone Wollemborg”. “Il volto di Giorgione” è il suo primo romanzo.

IL VOLTO DI GIORGIONE

logo
CASA EDITRICE
35020 SAONARA (PADOVA) - Via Lombardia 41/43
Tel. 049/640105 - Fax 049/8797938
line
Home - Restauro - Arte e Beni Culturali - Letteratura Poesia e Tematiche Sociali
Storia Filosofia e Memorialistica - Economia e Societa' - Guide Turistiche
Appuntamenti e Segnalazioni - Acquisti on Line
e-mail - Mailing List - Links - Web Rings - English Please!